modifica

Meglio usare il burro o la margarina?

in Margarina: tutto ciò che c'è da sapere!
Alla realizzazione degli articoli in questa sezione del wiki hanno partecipato...

Gli esperti di Wikonsumer ti danno consigli rigurdanti l'uso della margarina

All'interno di questa pagina abbiamo risposto alle domande più varie riguardanti la margarina, le sue applicazioni, grazie alle analisi e agli studi approfonditi - e sempre verificati - degli esperti di Wikonsumer.

Meglio il burro o la margarina? Ti invitiamo a leggere e a scoprire le risposte a questi e molti altri quesiti all’interno della nostra pagina, scritta dal team di esperti e nutrizionisti di Wikonsumer.

Classifica marchi e prodotti - Miglior Burro Vegetale

Biologico, senza grassi idrogenati, Senza olio di palma, Senza soia, Con meno grassi saturi
#1
Burrella
Fattoria della mandorla
#2
Vallé soia
Vallé
#3
Vallé Naturalmente
Vallé
SCOPRI I PRODOTTI MIGLIORI SECONDO ESPERTI E CONSUMATORI
modifica

1. Meglio usare il burro o la margarina?

Molti consumatori sono convinti che la margarina sia una alternativa migliore del burro di origine animale. In verità molte margarine contengono grassi idrogenati, molto dannosi. La scelta migliore? Usare olio extravergine d'oliva.

La differenza tra burro e margarina è uno degli argomenti che interessano spesso i consumatori consapevoli. Molti infatti si chiedono se sia corretto sostituire il burro con la margarina. Meglio i grassi naturali del burro, anche se saturi, o ancora meglio margarine senza grassi idrogentati. Importante in ogni caso la moderazione.

Differenze tra burro e margarina

1 Valori nutrizionali x 100 g Burro Margarina vegetale
Energia 758 Kcal 760 Kcal
Grassi Totali 83,4 g 84 g
di cui saturi 48,78 g 26,43 g
di cui monoinsaturi 23,72 g 36,78 g
di cui polinsaturi 2,75 g 17,64 g
Colesterolo 250 mg 0 mg

Il burro

  • E' ricco di vitamina A che favorisce la crescita e lo sviluppo e protegge le mucose;
  • vanta anche un discreto contenuto di vitamina D ed E.
  • fornisce acidi grassi e presenta selenio e zinco;
  • presenta un elevato contenuto in grassi saturi, responsabili di sviluppare malattie cardiovascolari 2.

La margarina

  • Non contiene colesterolo
  • minor contenuto in sodio e grassi saturi.
  • ricca di acidi grassi trans, che si formano durante il processo di idrogenazione.

Gli acidi grassi trans sono responsabili di una riduzione dei livelli di colesterolo HDL e di un innalzamento dei livelli di colesterolo LDL 3.

Margarina senza grassi idrogenati

Se non vogliamo rinunciare a consumare questo prodotto, è meglio evitare le margarine che contengono grassi trans. Sceglierne una che tra gli ingredienti presenti oli di buona qualità (olio extravergine di oliva, olio di semi di girasole, olio di soia, di mais), evitando quelle che contengono oli tropicali (olio di palma, olio di cocco) perchè hanno un elevato tenore di grassi saturi. Il migliore è sicuramente la margarina alla mandorla.

Come è fatto il burro

Il burro è un’emulsione di acqua nei grassi, ottenuta dalla crema estratta dal latte o dal siero di latte di vacca. E' costituito da 1:

  • grassi (85%);
  • 15% di acqua;
  • 0,3% di proteine;
  • 0,4% di lattosio;
  • calcio (20 mg/100 ml);
  • diverse vitamine, soprattutto la A e la D.

Tipologie di burro presenti in commercio

  • Burro a ridotto tenore di grasso: burro in cui la percentuale di grasso è pari al 60-62%;
  • Burro a ridotto contenuto di colesterolo: In questo tipo di burro una parte dei grassi animali è sostituita da grassi di origine vegetale, pertanto il contenuto in colesterolo è ridotto del 75-80% rispetto al burro classico.
  • Burro vegetale biologico: E' composto da oli vegetali biologici addensati utilizzando la lecitina di soia .

Come riconoscere un burro di qualità

Un burro di ottima qualità deve avere un aspetto uniforme, compatto e lucido; non deve contenere quantità eccessive di acqua. Il colore cambia a seconda del periodo di acquisto; è bianco d’inverno e tendente al giallo d’estate. Il burro migliore è quello che viene ricavato solo dalle creme migliori dal punto di vista igienico e organolettico 4.

Burro in gravidanza

Il burro apporta quantità trascurabili di alcuni minerali come potassio e calcio e un quantitativo apprezzabile di vitamina A, necessaria per la crescita. Apporta buone quantità di vitamina D, utile ai bambini e alle donne in gravidanza, perché aiuta lo sviluppo delle ossa 5. Nonostante questo, sia margarina che burro vanno assunti con cautela 6 7. Infatti il consumo di burro e margarina da parte della donna in gravidanza, espone i nascituri al rischio di allergie di diversa natura 8. Risulta più indicato il burro di mandorla.

Bibliografia - Mostra le fonti attendibili di questo articolo »

  1. Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (http://nut.entecra.it/646/tabelle_di_composizione_degli_alimenti.html) 

  2. Gagliardi AC, Maranhão RC, de Sousa HP, Schaefer EJ, Santos RD. Effects of margarines and butter consumption on lipid profiles, inflammation markers and lipid transfer to HDL particles in free-living subjects with the metabolic syndrome. Eur J Clin Nutr. 2010 Oct;64(10):1141-9. doi: 10.1038/ejcn.2010.122. Epub 2010 Jul 21. 

  3. Judd JT et al. Effects of margarine compared with those of butter on blood lipid profiles related to cardiovascular disease risk factors in normolipemic adults fed controlled diets. Am J Clin Nutr. 1998 Oct;68(4):768-77. 

  4. Burro chiarificato e i molti benefici per la salute. (2014) La stampa- salute. 

  5. Calvani M et al, Pediatr Allergy Immunol 2006; 17: 94-102 

  6. Bolte G, Frye C, Hoelscher B, Meyer I, Wjst M, Heinrich J. Margarine consumption and allergy in children. Am J Respir Crit Care Med2001;163:277–9 

  7. Bolte G, Winkler G, Holscher B, Thefeld W, Weiland SK, Heinrich J. Margarine consumption, asthma, and allergy in young adults: results of the German National Health Survey 1998. Ann Epidemiol 2005;15:207–13. 

  8. Sausenthaler S, Kompauer I, Borte M, et al. Margarine and butter consumption, eczema and allergic sensitization in children. The LISA birth cohort study. Pediatr Allergy Immunol 2006;17:85–93. 

Chiedi agli esperti...
0 discussioni attive
Nuovo Commento