modifica

Olio extravergine di oliva: calorie e valori nutrizionali. Cosa cambia tra olio evo, olio di oliva e di sansa?

in Olio Extravergine di Oliva: tutto ciò che c'è da sapere!
Alla realizzazione degli articoli in questa sezione del wiki hanno partecipato...

Gli esperti di Wikonsumer ti spiegano cosa contiene l'olio extravergine di oliva

Molti consumatori si chiedono quali sono i valori nutrizionali e le calorie dell'olio extravergine di oliva e gli ingredienti in esso contenuti. Qual è la differenza tra olio evo, olio d'oliva e di sansa? All'interno di questa pagina potrai approfondire, grazie alle analisi e agli studi - sempre verificati - degli esperti di Wikonsumer, cosa contiene ll'olio evo. Tutte le domande sulle proprietà nutrizionali e sulle calorie dell'olio extravergine di oliva che ti sei sempre posto, oggi avranno finalmente risposta!

L'elevato contenuto di grassi monoinsaturi, i polifenoli e le vitamine lo rendono un'alleato per la salute. Ti invitiamo a leggere questa pagina per scoprire tutto quello che riguarda la composizione e le calorie dell'olio evo, creata dal team di esperti di Wikonsumer.

Classifica marchi e prodotti - Miglior Olio Extravergine di Oliva

Di propria produzione, Estratto a freddo, Biologico, con più bassa acidità, con minor numero di perossidi, con maggiore quantità di polifenoli, intenso, intenso, intenso, Caratteristiche documentate, Senza episodi di contraffazione, DOP
#1
Olio EVO Bio "San Francesco"
AZ. Agricola L'uliveto di Donatella Como
#2
Olio Extravergine di Oliva Bio "Biomurgia"
Biomurgia di Cirillo Angela
#3
Olio Extravergine di Oliva Desimini
Az. Agricola Desimini Maria Pia
SCOPRI I PRODOTTI MIGLIORI SECONDO ESPERTI E CONSUMATORI
modifica

1. Calorie e valori nutrizionali dell’olio EVO

L’olio extra vergine di oliva è uno degli alimenti cardine della dieta mediterranea e grazie alla sua composizione in acidi grassi “buoni” e alla presenza di altre benefiche sostanze, manifesta importanti proprietà: riduce i livelli di colesterolo nel sangue, combatte l'ipertensione, previene il diabete, l'osteoporosi e contrasta l'insorgenza di malattie cardiovascolari.

Olio extra vergine di oliva: valori nutrizionali

La composizione dell’olio extravergine di oliva è costituita da numerose vitamine e sostanze con importanti proprietà nutritive che conferiscono una natura antiossidante3, quali:

  • tocoferoli, che includono la vitamina E
  • steroli,
  • polifenoli,
  • pigmenti, come i carotenoidi (beta carotene) e le cloforille (che donano il caratteristico colore verde all'olio di oliva).

L'olio EVO, essendo un alimento di origine vegetale, è costituito per la maggior parte da acidi grassi. Di questi il 75% sono grassi insaturi, il piu abbondante è l’acido oleico la cui quantità, in base alle norme stabilite dall’International Olive Oil Council 1, deve essere compresa tra il 55% e l’83% del totale dei grassi presenti nell'olio stesso.

nutrienti quantità per 100 g2 quantità in un cucchiaio
acqua tracce tracce
proteine 0 0
carboidrati 0 0
grassi 99.9 g 9.99 g
colesterolo 0 0
vitamina A 36 µg 3.6 µg
vitamina E 22.4 mg 2.24 mg
polifenoli4 50 mg 5 mg

Per scoprire quali sono gli oli evo sul mercato più ricchi in polifenoli puoi utilizzare la nostra classifica dei migliori oli evo.

Olio extra vergine di oliva: calorie

L'olio EVO, essendo ricco in grassi, è indubbiamente un alimento calorico. In un solo cucchiaio di prodotto vi sono 89.9 Kcal2, ma ciò non deve preoccupare in quanto se usato nelle dosi indicate da tutte le linee guida, 2-3 cucchiai al giorno (da valutare in base alle necessità individuali), si potrà godere dei benefici che questo alimento ci regala senza correre il rischio di ingrassare.

Composizione dell’olio extravergine di oliva

I valori nutrizionali dell'olio EVO dipendono anche dalla sua composizione, che non è sempre costante o univoca, ma può dipendere:

  • dal tipo di cultivar,
  • dalla zona di produzione,
  • dal grado di maturazione dell’oliva,
  • dal metodo di estrazione dell’olio.

Fonti

Bibliografia - Mostra le fonti attendibili di questo articolo »

modifica

2. Differenze tra olio di oliva, olio extravergine di oliva e olio di sansa

Le differenze tra l' olio evo, l' olio di oliva, l'olio di oliva vergine e l' olio di sansa sono diverse e riguardano sia le modalità di produzione, sia i parametri analitici determinabili tramite analisi di laboratorio e analisi sensoriali.

L'olio evo, rispetto agli altri oli, ha una composizione in nutrienti quasi inalterata rispetto ai valori nutrizionali delle olive, ovvero della materia prima. Per questo l'olio evo è il migliore olio per il consumo umano, in grado di apportare benefici alla nostra salute.

Le caratteristiche dell’olio che fanno la differenza

Gli oli possono essere classificati in 4 categorie principali sulla base di determinate caratteristiche:

La raffinazione dell'olio

Gli oli possono talvolta presentare difetti evidenti ed un'acidità eccessiva. In tal caso devono essere sottoposti ad un processo di raffinazione 5 (deacidificazione, decolarazione e deodorazione), così da ottenere un olio raffinato (olio incolore, inodore ed insapore). Tali procedure sono necessarie per rendere commestibile e quindi vendibile al consumatore un olio d'oliva che altrimenti non lo sarebbe.

Il processo di raffinazione distrugge quasi totalmente le vitamine presenti, ma non sarebbe dannoso per la salute se non per un piccolo particolare: durante il processo di deodorazione si produce una minima percentuale di grassi trans, intorno al 2-7%.

Cosa sono le mediane

Le mediane sono il risultato dell' analisi sensoriale eseguita sull’olio da un gruppo di esperti, che controllano:

  • L'assenza di difetti, che rivelerebbero errori nella raccolta, nella spremitura, nella conservazione, (rancido, muffa...).
  • L'odore, che dovrebbe ricordare il frutto appena raccolto, da qui il termine fruttato.

Estrazione/Spremitura a freddo

La temperatura di lavorazione dell'olio è fondamentale per preservare importanti composti in esso contenuti, come i polifenoli,

Il Reg. Ce 1019/2002 stabilisce che l’indicazione prima spremitura a freddo è riservata agli oli d’oliva vergini o extra vergini ottenuti a meno di 27 °C con una prima spremitura meccanica della pasta d’olive, con un sistema di estrazione di tipo tradizionale con presse idrauliche. L’indicazione estratto a freddo è riservata agli oli d’oliva vergini o extra vergini ottenuti a meno di 27 °C con un processo di percolazione o centrifugazione della pasta d’olive; Quindi sono possibile due diciture, per le quali cambia la tecnica di estrazione, cioè per semplice premitura nel primo caso e per centrifugazione nel secondo.

Alcuni pensano che l'olio extravergine sia per definizione ottenuto a freddo, questo non è vero!

Vediamo ora cosa dice la normativa 123 in merito alla classificazione degli oli.

Oli di oliva vergini

Gli oli ottenuti dal frutto dell'olivo soltanto mediante processi meccanici o altri processi fisici, in condizioni che non causano alterazione dell'olio, e che non hanno subito alcun trattamento diverso dal lavaggio, dalla decantazione, dalla centrifugazione e dalla filtrazione, esclusi gli oli ottenuti mediante solvente o con coadiuvanti ad azione chimica o biochimica o con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura. Questo a loro volta si distinguono in:

  • Olio extra vergine di oliva, la cui acidità è al massimo di 0,8 g per 100 g e organoletticamente perfetto, cioè fruttato e senza difetti (mediana del fruttato maggiore di 0 e mediana dei difetti pari a zero.
  • Olio di oliva vergine, la cui acidità è al massimo di 2 g per 100 g, fruttato e con difetti gustativi limitati.
  • Olio di oliva lampante, la cui acidità è superiore a 2 g per 100 g o che presenta difetti gustativi o assenza di fruttato.

"Olio di oliva", contiene oli raffinati

L'Olio di oliva raffinato è ottenuto dalla raffinazione dell'olio di oliva vergine ed ha un tenore di acidità libera, espresso in acido oleico, non superiore a 0,3 g per 100 g.

Quello che si trova in commercio come Olio di oliva è per definizione ottenuto dal taglio di olio di oliva raffinato con olio di oliva vergine diverso dall'olio lampante, con un tenore di acidità libera, espresso in acido oleico, non superiore a 1 g per 100 g.

Olio di sansa

L’olio di sansa di oliva è l’olio recuperato dalla sansa, il residuo solido della lavorazione delle olive.

  • Olio di sansa greggio, è un olio ottenuto dalla sansa d'oliva mediante trattamento con solventi o mediante processi fisici, oppure olio corrispondente all'olio di oliva lampante, fatte salve talune specifiche caratteristiche, escluso l'olio ottenuto attraverso la riesterificazione e le miscele con oli di altra natura, e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria.
  • Olio di sansa raffinato, è un olio ottenuto dalla raffinazione dell'olio di sansa di oliva greggio, con un tenore di acidità libera, espresso in acido oleico, non superiore a 0,3 g per 100 g e avente le altre caratteristiche conformi a quelle previste per questa categoria.
  • Olio di sansa reperibile in commercio, è un olio ottenuto dal taglio di olio di sansa di oliva raffinato e di olio di oliva vergine diverso dall'olio lampante, con un tenore di acidità libera, espresso in acido oleico, non superiore a 1 g per 100 g. L'olio di sansa di oliva ha una colorazione giallo-verde più o meno intensa6, senza odori o sapori specifici ed esente da odori o sapori che indicano alterazioni o contaminazioni dell'olio 9 .

Riepiloghiamo questo complesso panorama di olio nella seguente tabella, in cui Md indica "mediana dei difetti", significa che l'olio presenta dei difetti gustativi, come sentori di rancido, muffa, etc...Mf indica invece "mediana del fruttato", cioè un sapore che ricorda quello dell'oliva appena raccolta.

Denominazione Categoria Vendibile al consumatore Come si ottiene Estrazione/Spremitura a freddo Acidità Caratteristiche organolettiche
Olio extravergine Vergine Si Estrazione meccanica dalle olive Dipende < 0.8% Md = 0 e Mf > 0
Olio vergine Vergine Si Estrazione meccanica dalle olive Dipende < 2% Md < 3,5 e Mf > 0
Olio lampante Vergine No Estrazione meccanica dalle olive Dipende > 2% Md > 3,5 o Mf = 0
Olio raffinato - No Raffinazione chimica di olio di categoria vergine - < 0.3% -
"Olio di oliva" - Si Miscela di olio raffinato e vergine (escluso lampante) - < 1% -
Olio di sansa greggio Sansa No Ottenuto dalla sansa delle olive mediante estrazione con solventi o processi fisici - - -
Olio di sansa raffinato Sansa No Raffinamento dell'olio di sansa greggio - < 0,3% -
"Olio di sansa" Sansa Si Miscela di olio di sansa raffinato e olio vergine (escluso lampante) - < 1% -

Qual è il miglior olio da usare?

Le caratteristiche dell'olio extravergine di oliva lo rendono il prodotto da consumarsi per eccellenza, in quanto, rispetto ad altri oli, subisce un minor numero di alterazioni.

Pertanto, l'olio extra vergine di oliva possiede proprietà uniche ed importanti 7 in grado di produrre effetti positivi sulla nostra salute8.

Se volessimo stilare una classifica degli oli presenti in commercio avremmo:

  • al primo posto l’olio extravergine di oliva (sapore fruttato e privo di alcun difetto organolettico);
  • al secondo posto l’olio vergine di oliva, una spremuta di seconda scelta con caratteristiche chimiche ed organolettiche che risentono degli errori e/o dei problemi manifestatisi in una o più delle fasi di lavorazione dell'oliva: dalla coltivazione alla raccolta, alla trasformazione sino alla conservazione del prodotto;
  • al terzo posto l’olio di sansa.

In ogni modo il nostro consiglio è quello di non accontentarsi semplicemente di un olio extravergine, infatti come potrai verificare nella classifica dei migliori oli evo, ci sono tanti altri fattori a cui prestare attenzione.

Bibliografia - Mostra le fonti attendibili di questo articolo »

  1. REGOLAMENTO (CEE) N. 2568/91 - caratteristiche degli oli d'oliva e degli oli di sansa d'oliva nonché ai metodi ad essi attinenti 

  2. REGOLAMENTO (CE) N. 1019/2002 - Norme di commercializzazione dell’olio d’oliva 

  3. Regolamento (CE) n. 1513/2001 - DESCRIZIONI E DEFINIZIONI DI OLI DI OLIVA E DI OLI DI SANSA D'OLIVA 

  4. Carabinieri - Andiamo al supermercato - L'olio di oliva 

  5. Di Giovacchino L., 2010, "Tecnologie di lavorazione delle olive in frantoio. Rese di estrazione e qualità dell'olio". Tecniche Nuove. Milano; 

  6. Capella P., Fedeli E., Bonaga G., Lerker G. 1997. “Manuale degli oli e dei grassi”. Tecniche Nuove. Milano; 

  7. Willet W.C. et al. Dietary fat, 1994, "Olive oil intake and breast cancer risk". Int J Cancer. 58:774-80

  8. Lerker G., Caramia G.M., 2010. "Composizione ed aspetti salutistici dell'olio di oliva". La Rivista Italiana delle Sostanze, Vol LXXXVII. 

  9. Zaramella F., Fontana G., 2004. "Oli da olive". Tecnology & Engineering. Hoepli. 

Chiedi agli esperti...
1 discussione attiva
  • Origine del sapore dell'EVO
    - 8 mesi, 3 settimane fa

    Vorrei conferma del fatto che, il sapore dell'olio di oliva EVO, non è originato dagli acidi grassi , che dovrebbero essere insapore.
    A dare sapore e profumi sono le " impurità", rispetto alla parte oleosa, i composti fenolici in particolare.
    E' corretto?
    Grazie

    Marco

    Rispondi
Nuovo Commento