modifica
Alla realizzazione degli articoli in questa sezione del wiki hanno partecipato...
Articolo WikiVerificato dagli EspertiFonti attendibili
in #Salute / Leggere le etichette

Fonte di Vitamine

Le vitamine sono sostanze molto importanti per il corretto funzionamento dei processi fisiologici del nostro organismo, infatti esiste per ognuna di esse un preciso RDA, ovvero una Dose Giornaliera Raccomandata.1

In generale se si segue una dieta varia ed equilibrata si riesce a soddisfare il fabbisogno giornaliero.2

Leggere l'etichetta

Secondo la normativa italiana 7 possono possono essere aggiunte in tabella nutrizionale informazioni relative a vitamine e sali minerali solo se questi elementi sono presenti nella misura pari ad almeno il 15% della dose giornaliera raccomandata (RDA).

L'indicazione invece che un alimento è fonte di vitamine e/o minerali e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il prodotto contiene almeno una quantità significativa di tale elemento secondo quantità che possono variare per ogni vitamina tra il 15% ed il 30%.

Classificazione delle vitamine

Le vitamine si suddividono in due categorie, le vitamine liposolubili, cioè che sono solubili nei grassi, e le vitamine idrosolubili, quindi solubili in acqua.

Non esistono vitamine più importanti di altre, potremmo però dire che le liposolubili è possibile accumularle nel nostro organismo, al contrario delle idrosolubili, pertanto quest’ultime andrebbero introdotte con la dieta ogni giorno.

La carenza di vitamine può comunque esistere qualora non venga seguita una sana alimentazione bilanciata.

Vitamine liposolubili

Tra le vitamine liposolubili ricordiamo la vitamina A, la vitamina D, la vitamina E e la vitamina K.

  • La vitamina A è meglio nota come la “vitamina antinfezione”, cioè capace di stimolare il nostro sistema immunitario; inoltre è necessaria per la crescita, la riproduzione e infine il rafforzamento della vista. 3

  • La vitamina D viene prodotta, per effetto dei raggi del sole, nel nostro organismo. La mancanza di vitamina D comporta nei bambini il rachitismo. Negli adulti la carenza di vitamina D determina l’osteomalacia. Ad oggi è comunque difficile osservare in un individuo un livello di vitamina D insufficiente.4 Alimenti ricchi di vitamina D sono l’olio di fegato di merluzzo ed il tuorlo dell’uovo. Altri cibi con vitamina D anche se in più bassa quantità sono le verdure a foglie verdi. Esistono inoltre in commercio alimenti con vitamina D definitivi fortificati .

  • La vitamina E appartiene alle cosiddette “vitamine antiossidanti” in quanto protegge le membrane delle nostre cellule.

  • La vitamina K infine importante nel favorire la coagulazione del sangue.

Vitamine idrosolubili

Tra le vitamine idrosolubili invece possiamo elencare la vitamina B e la vitamina C.5

In genere è più corretto parlare di complesso vitaminico B o vitamine gruppo B, in quanto esse sono diverse. Gli alimenti ricchi di vitamina B sono numerosi, ma il lievito di birra è quello che le contiene quasi tutte. Altri cibi con vitamina B sono germe di grano, legumi e latte di soia

Tra le vitamine del gruppo B ricordiamo ad esempio:

  • la vitamina B6 coinvolta nella formazione delle proteine del corpo umano;

  • la vitamina B12 invece è spesso argomento di discussione per le diete vegane.

B12: Dove si trova?

Gli alimenti ricchi di vitamina B12 sono principalmente di origine animale, specialmente nel fegato di numerosi animali, nei molluschi, nei pesci e nelle uova.

Carenza vitamina B12

Può manifestarsi con insensibilità o formicolii, soprattutto nell’anziano, con depressione e confusione. 6

Per questo motivo l’integratore vitamina B12 è consigliabile per tutti coloro che optano per una dieta priva di alimenti di origine animale e ad oggi ne esistono di varie marche e tipologie sia in compresse che in fiale.

In conclusione, qualora si segua una dieta bilanciata ed equilibrata non è necessario ricorrere agli integratori, questo nel caso in cui non siano presenti carenze nutrizionali derivanti da patologie. Nel caso in cui se ne faccia uso non esistono contro indicazioni; se si assumono farmaci è sempre buona abitudine leggere il foglietto illustrativo per capire se potrebbero essere presenti interazioni.

Fonti

Bibliografia - Mostra le fonti attendibili di questo articolo »

  1. LARN. Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti ed energia per la popolazione italiana. Revisione 2012 

  2. Gerber M. Biofactors in the Mediterranean diet. Clin Chem Lab Med. (2003). 

  3. RD Semba. “On the 'discovery' of vitamin A”. Annals of Nutrition and Metabolism, (2012) 

  4. TD Thacher, BL Clarke. “Vitamin D insufficiency” Mayo Clinic Proceedings (2011) 

  5. Chawla J, Kvarnberg D. Hydrosoluble vitamins. Handb Clin Neurol. (2014) 

  6. Mikkelsen K , Stojanovska L , Apostolopoulos V . The effects of vitamin B in depression. Curr Med Chem. (2016) 

  7. ETICHETTATURA E CLAIMS NUTRIZIONALI DEGLI ALIMENTI 


Attenzione: questo non è un Blog!

Wikonsumer.org è il tripadvisor dei prodotti alimentari.

Alla base di Wikonsumer c'è una community di esperti indipendenti e di consumatori che realizzano le guide agli alimenti e valutano i prodotti, per trovare quelli più buoni, di qualità e salutari!

Tu puoi vedere le valutazioni e votare i prodotti a cui sei interessato, partecipare agli assaggi, scegliere quali trovare in un punto vendita della tua zona, dove arrivano direttamente dal produttore.

Scopri le guide e le iniziative di wikonsumer.org, iscriviti (max 1 mail a settimana)!
La rivoluzione del consumo è iniziata.

Articoli suggeriti
Commenti
0 discussioni attive
Nuovo Commento